Informazioni turistiche sull' isola di Torcello a Venezia

Nell' isola di Torcello, sono pochi ma eccezionali i monumenti, prodigiosamente scampati alla disgregazione dell'antica città che si incastrano in un ambito rurale intatto, tra paesaggi d'acqua, paludi, sponde di tamerici, orti e vigneti. La civiltà di Venezia ha avuto origine su quest'isola tranquilla, quando nel 639, sotto la pressione dei barbari, vi fu trasportata lo Cattedrale di Alzino, allora principale città della zona.
A testimoniare la prosperità dell'insediamento, sviluppato dal V al X secolo e gradualmente abbandonato per l'impaludamento di questa parte dello Laguna, rimane il centro monumentale, che si arriva prendendo la strada a fianco del canale di Torcello.

Attorno al canale di TorCello
Anticamente il canale era un'importante via di comunicazione tra quest'isola e l'entroterra.
Lo scavalca il ponte del Diavolo, seguendolo, si può concludere una passeggiata nella campagna tra belle case rurali: vicino a una piccola darsena si incontra la locanda Cipriani, resa famosa dal soggiorno di Ernest Hemingway.

La piazza
Vicino allo spiazzo erboso, centro della città scomparsa, si dispongono gli edifici che testimoniano lo splendore della civiltà lagunare delle origini; al centro è posta la cosiddetta sedia di Attila.
Nei trecenteschi palazzi dell'Archivio e del Consiglio è organizzato il Museo di Torcello, che raccoglie reperti della zona lagunare.

S. Maria Assunta
La struttura attuale della Cattedrale, unita da un portico al Battistero e alla chiesa di S. Fosca, risale agli interventi di ampliamento e di parziale ricostruzione della chiesa. È preceduta dai resti del Battistero secolo del VII secolo e da un nartece iniziato nel IX secolo ma allargato nel XIV-XV. Al fianco sinistro è accumulato un corpo absidato quattrocentesco; sul retro, i bei volumi delle absidi L'interno di S.


Maria Assunta
A pianta basilicale a tre navate con colonne in marmo, capitelli finemente intarsiati e pavimento in marmi policromi, è definito dall'iconostasi lignea che introduce all'area dominata dal catino absidale a mosaico. Dall'abside prende avvio un grande apparato iconografico di insolita unitarietà stilistica e tematica: sul fondale d'oro appare in perfetto isolamento lo stupendo mosaico della Vergine col Bambino benedicente.

S. Fosca
I volumi complessi della chiesa, unita alla Cattedrale dal nartece, raggiungono l'apice nel tamburo cilindrico e si raccordano a un portico pentagonale, riproducendo forse la pianta di un martyrium del secolo VII. L'attuale edificio di culto fu però innalzato intorno al 1100. L'interno, di raro fascino, ripropone la ricca articolazione degli spazi anticipata all'esterno nell'impianto a croce greca.

Foto di Venezia

Piazza San Marco from the Canale (Venezia) Canal Grande a Venezia Venice -  Palazzo Ducale Arsenale di Venezia Canali di Venezia Ponte di Venezia