Informazioni turistiche sulla Galleria dell' Accademia a Venezia

Il Museo della Galleria dell' Accademia è sistemato nel complesso di S. Maria della Carità nel piccolo campo-sagrato affacciato sul Canal Grande qui oltrepassato dal ponte dell'Accademia, rappresenta la più integra rassegna di pittura veneziana e veneta dal XIV al XVIII secolo. Nate nel 1807 da un primo nucleo della collezione Farsetti e dai saggi degli allievi dell'Accademia, le Gallerie fu ampliato con i dipinti originari dalle istituzioni civili e religiose abolite in età napoleonica.

Pittura veneta fra Tre e Quattrocento.
L'esposizione inizia dai maestri del XIV e XV secolo. Tra i dipinti di maggior importanza, la Giustizia fra gli arcangeli Michele e Gabriele, stupenda composizione di Jacobello del Fiore; di notevole interesse anche la Madonna del parto. Fra le opere più importanti, incoronazione della Vergine, storie di Gesù e storie di S. Francesco, brillante polittico di Paolo Veneziano. La sala 2 fu preparata nel 1875 per contenere l'Assunta del Tiziano, poi rimessa ai Frari.
Tra i grandi capolavori del Quattro-Cinquecento sono enumerati i dipinti di Giovanni Bellini: Madonna che adora il bambino dormiente e Madonna degli alberetti.
Un cenno merita anche la Madonna dello zodiaco, valutata una delle opere migliori di Cosmè Tura. La Vecchia (e la celebre Tempesta di Giorgione evidenziano i caratteri di novità della pittura veneta del primo '500, a confronto con quella d'influenza toscana del Mantegna.
Una sala è incentrata sulla presenza del S. Giovanni Battista, capolavoro di Tiziano, del quale si nota la perfetta resa dei particolari anatomici. Nell'ambiente successivo affiorano la Sacra Conversazione, una delle prove migliori di Palma il Vecchio, e soprattutto il Ritratto di gentiluomo di Lorenzo Lotto.
II Veronese, tra i maggiori protagonisti della pittura veneziana e veneta della seconda metà del '500, è presente con lo Sposalizio mistico di S. Caterina.
Del Veronese è da segnalare anche Il convito in casa di Levi realizzato per i Domenicani dei Ss. Giovanni e Paolo: fu così chiamato, invece che Ultima cena, per sottrarlo alle limitazioni imposte dal Tribunale dell'Inquisizione.
II Tintoretto conseguì i teleri, splendida la Pietà di Tiziano, realizzata l'anno stesso della morte, mentre a Venezia infuriava la peste, e ultimata da Palma il Giovane.

Il Sei e Settecento.
Oltre ai frammenti del soffitto della chiesa degli Scalzi, dipinto da Giambattista Tiepolo, meritano attenzione Paesaggio con cavalli che si abbeverano di Mario Ricci, il David di Domenico Fetti con influenze caravaggesche, e l'indovina di Gian Battista Piazzetta. Da indicare anche la presenza del Trasporto della Santa Casa di Loretto e principalmente dell'Apparizione della Sacra Famiglia a S. Gaetano, capolavori di Giambattista Tiepolo.
Tra le opere di maestri veneziani vanno indicate la Prospettiva con portico del Canaletto e alcune opere di Pietro Longhi, in articolare: Il concerto, Il farmacista, Il mattino della signora veneziana.

La pittura tra quattro e cinquecento
Si ritorna ai maestri veneziani del ‘400 con gli otto teleri preparati alla fine di quel secolo da Gentile Bellini, Carpaccio, Giovanni Mansueti e Lazzaro Bastiabi per la scuola grande di San Givanni evangelista.
Eccezionale il racconto delle storie di S. Orsola realizzato dal Carpaccio nel 1490-95, all'interno del quale risalta in particolare il Sogno di S. Orsola. Tra le altre tele si ricordano: Apoteosi di S. Orsola e le sue compagne, Il martirio dei pellegrini e i funerali di S. Orsola, il Ritorno degli ambasciatori e l'incontro dei pellegrini col papa Ciriaco sotto le mura di Roma. Si nota una bella Madonna in trono con santi domenicani di Antonio Vivarini.
Nell'ultima sala tutta l'attenzione si concentra sulla splendida Presentazione della Vergine al tempio, dipinta da Tiziano.

Foto di Venezia

Piazza San Marco from the Canale (Venezia) Canal Grande a Venezia Venice -  Palazzo Ducale Arsenale di Venezia Canali di Venezia Ponte di Venezia